Nell’agro di Rocchetta a Volturno, una officina per mezzi agricoli diventa, secondo le accezioni delle tipologie classiche del palazzo, il basamento su cui erigere il piano nobile dedicato alla residenza del signore e padrone.

Il piano esistente viene preso a riferimento per la realizzazione di una doppia residenza con scala comune e dotato di superfici esterne riprese dalle tipologie classiche locali; il patio, la balconata, definiscono spazi per attività all’aperto al piano superiore, così come frontoni triangolari derivati da tetti a doppio spiovente, balaustre, volumi emergenti e finestre diseguali si rifanno alle facciate di vecchi edifici di centri storici.

La massa muraria viene scavata da nicchie, anfratti e rientranze per un contrastato gioco di luci e ombre in grado di assecondare le stesse vibrazioni cromatiche che determina il verde in cui è inserito.

Il frontone recupera le forme classiche locali dei tetti a doppia pendenza delle case rurali
Il frontone recupera le forme classiche locali dei tetti a doppia pendenza delle case rurali